L’auto ideale non esiste. Ad ognuno la sua, ecco come scegliere.

Sono un appassionato di auto, tanto da lavorare nel settore da 18 anni. E sono un “digital addicted”, come dicono quelli bravi che smanettano sul web. In pratica, sono appassionato di auto e di digitale, e scrivendo sul web mi capita spesso di ricevere commenti e messaggi privati.

Molto spesso mi viene posto un concetto che suona più o meno così: "qual è l’auto ideale che mi consiglieresti?" Domanda legittima, che però il più delle volte arriva da persone che non conosco, così come non conosco le loro esigenze di mobilità e la loro disponibilità economica.

Tutto questo mi riporta ad una dei più grandi insegnamenti che ho appreso nei 13 anni passati alle scrivanie di diverse concessionarie: l’auto ideale non esiste! Esistono tante diverse necessità da soddisfare, più o meno tante quanti sono gli automobilisti italiani.

Necessità che devono “fare scopa” con i gusti personali e con la somma che si vuole (e che si può) dedicare all’automobile. Solo dopo aver fatto questa analisi socio-economica si può individuare una rosa di papabili soluzioni.

Non solo il modello ideale, ma anche l’alimentazione

Scegliere l’auto giusta non è un’operazione facile. E non mi riferisco solo al semplice modello, su cui pesa anche il gusto personale dell’automobilista. La scelta va ponderata con attenzione anche quando si tratta di scegliere l’alimentazione. Dell'auto, ovviamente!

Ma è forse l’alimentazione la scelta su cui metto sempre in guardia chi mi legge o chi mi scrive. Ricordo perfettamente quando - una quindicina di anni fa – sul mercato italiano iniziarono a dilagare i diesel “common rail”, che uniti al downsizing delle cilindrate ingolosirono anche quegli automobilisti che percorrevano 10mila chilometri annui, vacanze comprese.

Proponevamo e vendevamo auto diesel a chiunque, anche all’ottantenne che stava rottamando la sua Ritmo trentennale con 80.000 chilometri originali. Anche perché, in un mercato dichiaratamente sovra-produttivo come quello automobilistico, la parola d’ordine era: “smaltite lo stock!”

auto ideale

E’ chiaro che un’automobilista dalla bassa percorrenza difficilmente avrebbe recuperato la differenza di prezzo tra un benzina e un diesel. Quantificabile - a seconda dei casi - in oltre 3mila euro considerate le spese di assicurazione e manutenzione maggiorate.

Per non parlare degli optional…

Un discorso del tutto analogo va fatto per gli accessori (optional, se preferite i termini anglosassoni): per scegliere l’auto ideale bisogna tener conto degli accessori capaci di soddisfare le specifiche esigenze. Ma anche di quelli che devono esserci assolutamente, se non si vuole rischiare di avere un’auto invendibile dopo qualche anno.

Oggi il climatizzatore fa parte della dotazione standard di quasi tutte le auto in produzione, almeno quello manuale. Anni fa mi è capitato di vendere auto senza clima, magari a persone che per ragioni di salute non potevano usarlo. Ebbene, solo pochi anni dopo, piazzare quelle auto sul mercato dell’usato è stata un’operazione “lacrime & sangue”.

Perfino il colore è da scegliere con molto pragmatismo. Tra le tante auto che mi è capitato di valutare come permuta per l’acquisto di una nuova, ne ho viste alcune di colori talmente improbabili da dover essere pesantemente svalutate per poter sperare di venderle.

Magari a qualche commerciante estero, disposto a rivenderle su qualche mercato dove un “verde pisello” o un “rosa confetto” non costituissero un grosso problema.

L'auto ideale non esiste. Ad ognuno la sua, ecco come scegliere.

In definitiva, quando qualcuno chi mi chiede quale sia l’auto ideale che possa consigliargli, non posso far altro che prendermi cinque minuti per fargli qualche domanda e capire realmente di cosa ha bisogno. Se stai cercando la tua auto ideale, tutto quello che devi fare è porti le stesse domande.

Ad esempio, quale auto ritieni più adatta alle tue esigenze? Cosa valuti prima di scegliere? Lasciami la tua opinione con un commento.

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Leggi articolo precedente:
Hills Race 2018
Hills Race 2018: a Rivanazzano il più importante evento drag racing d’Italia

Una gara d’accelerazione sul ¼ di miglio tra i colli dell’Oltrepò Pavese, uno swap meeting per collezionisti di auto americane...

Chiudi